Seleziona una pagina

Nella tornata del 17 dicembre u.s. il Consiglio di Amministrazione ha deliberato le tariffe dell’acqua per l’anno 2022. Le tariffe – che non subivano variazioni dal 2015 – hanno subito un leggerissimo aumento, pari all’inflazione media dei prezzi al consumo dell’ultimo anno.

Rimane invece inalterata la quota fissa pari a 5 euro mensili per il recupero dei costi “fissi” generati dal settore; tale quota, di fatto, “spalma” tra tutti gli utenti i costi di gestione del servizio idrico non direttamente correlati alla produzione dell’acqua erogata.

Di seguito le tariffe rimodulate per l’anno 2022:

UTENZE RESIDENZIALI:

–       QUOTA FISSA ANNUALE € 60,00

–       Consumi fino a 300 mc: € 0,4349

–       Consumi da 301 a 380 mc: € 0,5778

–       Consumi da 381 a 460 mc: € 1,1769

–       Consumi da 461 a 500 mc: € 1,9728

–       Consumi da 501 a 700 mc: € 3,0825

–       Consumi oltre 700 mc: € 3,1315

UTENZE COMMERCIALI

–       QUOTA FISSA ANNUALE € 60,00

–       Consumi fino a 200 mc: € 0,9568

–       Consumi oltre 201 mc: € 1,7397

Questi leggeri aumenti rappresentano il minimo necessario per garantire l’imprescindibile obiettivo del pareggio di bilancio del settore acquedotto e rappresentano comunque un privilegio per noi poggini, che continueremo a pagare l’acqua ad un prezzo nettamente inferiore rispetto a qualsiasi utente sardo: basti pensare che a pochi metri di distanza dalla nostra lottizzazione, a Residenza del Poggio, ciascun metro cubo consumato oltre i 250 mc costa quasi un euro in più di quanto a noi costa ciascun metro cubo consumato oltre i 700 mc.

Per quanto concerne la fatturazione, ricordiamo che questa continuerà ad essere effettuata trimestralmente sulla base dei consumi effettivi.

Rammentando l’importanza di verificare costantemente i propri consumi e lo stato della propria rete interna di distribuzione al fine di evitare spiacevoli sorprese, invitiamo tutti gli utenti a un uso saggio della risorsa idrica, specie in periodo estivo, per evitare che gli abusi di pochi possano compromettere gli usi di tutti gli altri.

L’occasione è gradita per porgere i nostri più cordiali saluti.

Il Presidente

Avv. Prof. Federico Onnis Cugia